Gramsci e Pareto: sulla passività delle masse

Luciana ALIAGA

Abstract


Studiando le fonti teoriche e politiche del pensiero di Antonio Gramsci nei Quaderni del Carcere, identifichiamo nella teoria delle élite e nella loro assunzione della passività storica delle masse uno dei più importanti dibattiti alla base dell’approccio gramsciano alla rivoluzione sociale. Vilfredo Pareto, come sappiamo, è uno dei sistematizzatori dell’elitarismo in Italia e un autore molto influente nella cultura del suo tempo. Il dibattito con l’elitarismo, invece, è indiretto, mediato da Niccolò Machiavelli come fonte comune e dalla cultura italiana della prima metà del XX secolo. In questo articolo ci proponiamo di ricostruire e confrontare le argomentazioni degli autori per portare alla luce due visioni altrettanto realistiche ma diametralmente opposte dei problemi legati alle possibilità concrete dei cambiamenti storici, soprattutto quelli che si riferiscono all’azione – o all’inazione – politica delle masse popolari.

Keyword


Teoria delle élite; Vilfredo Pareto; Filosofia di Praxis; Antonio Gramsci; Cambiamento sociale

Full Text

PDF (Português)


DOI: https://doi.org/10.19248/ammentu.363




ItalianoEnglishFrançaisEspañolPortuguêsCatalàSardu
AMMENTU - Bollettino Storico e Archivistico del Mediterraneo e delle Americhe. Periodico semestrale pubblicato dal Centro Studi SEA di Villacidro e dalla Casa Editrice Aipsa di Cagliari. Registrazione presso il Tribunale di Cagliari n° 16 del 14 settembre 2011. ISSN 2240-7596 [online].

CURRENT ISSUE
Lodo Atom
Logo RSS2
Logo RSS1
ANNOUNCEMENTS
Logo Atom
Logo RSS2
Logo RSS1