Ammentu, nasce la rivista voluta da don Giovannino (2012-01-24) Stampa E-mail

 

 

VILLACIDRO. Un giornale “on line” sulle ricerche d'archivio

Ammentu, nasce la rivista voluta da don Giovannino

«Dopo dodici anni di ininterrotta attività nel campo della ricerca storica e otto anni di lavoro e passione nel settore dell'editoria, abbiamo avvertito l'esigenza di dar vita a una rivista scientifica digitale, quale utile strumento per diffondere i risultati dei nostri lavori, ma anche e, soprattutto, per confrontarci con altre realtà, per uscire dai ristretti confini della Sardegna, dell'Isola-Continente». Così esordisce Martino Contu nella presentazione, in più lingue, di “Ammentu, bollettino Storico, Archivistico e Consolare del Mediterraneo”, neo rivista internazionale digitale, che nasce a Villacidro.

LA DEDICA. L'idea non è nuova ma, per diversi motivi, non aveva ancora forma. «Un evento tragico - prosegue Contu - come è tragica la perdita di un amico al quale si è particolarmente legati, ci ha dato la forza, la spinta interiore, per rilanciare l'idea e renderla concreta. Da un evento triste, si creano le condizioni per realizzare il sogno, a lungo inseguito, della rivista, che diventa anche un segno di riconoscenza post mortem verso don Giovannino Pinna: un socio, un amico ma, prima di tutto, un sacerdote, servitore del Totalmente Altro, come lui si è sempre sentito di essere, per il quale Gesù Cristo è stato al centro di tutta la sua esistenza, all'insegna del Totum tuum e non del Totum meum divenuto il verbum di molti preti d'oggi».

IL PUBBLICO. La rivista, infatti, è dedicata a don Pinna, per diversi anni parroco della chiesa madre di Santa Barbara in Villacidro, scomparso un anno fa per un male incurabile.
L'area geografica di riferimento della rivista è quella del Mare Nostrum e delle terre bagnate dalle sue acque. A queste si aggiungono quelle aree del Continente americano e dell'Europa con le quali, in passato, le insulae del Mare Internum hanno avviato, soprattutto attraverso i flussi migratori, stretti rapporti di collaborazione.
In questo primo numero si presenta il dossier “Emigrazione antifascista e esilio politico tra le due guerre”, di Giampaolo Atzei e Martino Contu; e i Focus “Consoli e Consolati dall'Unità d'Italia al secondo dopoguerra” di Manuela Garau; “Per la guerra e per la pace: sacerdoti sardi tra fascismo, afascismo e antifascismo”, di Lorenzo Di Biase; “Mare Internum e Mediterraneo Rioplatense” di Cecilia Tasca dell'Università di Cagliari. La rivista può essere consultata sul sito www.centrostudisea.it/ammentu/.


Gian Paolo Pusceddu


(fonte: L'Unione Sarda, martedì 24 gennaio 2012)

 
Copyright © 2011 Centro Studi SEA - Centro Studi sulla Sardegna e sui rapporti storici culturali, sociali ed economici con l'Europa e l'America Latina. Tutti i diritti riservati.
Centro Studi SEA O.n.l.u.s. - Sede operativa: via Su Coddu de is Abis, 35 - 09039 - Villacidro (VS) - [ITALY] - Website powered by Ruster.