La comunità italiana in Tunisia

Gianni MARILOTTI

Abstract


Il saggio affronta il tema della formazione della comunità italiana in Tunisia nei primi decenni del XIX secolo e ne accompagna le vicende fondamentali fino alla dichiarazione di protettorato francese nel 1881 e ai primi decenni del XX secolo. In realtà si dovrebbe parlare di molte comunità, provenienti da contesti locali diversi e diverse per ceto sociale, appartenenza religiosa (importante la comunità ebraica livornese) e livello culturale. In Tunisia, in estrema sintesi, due sono le componenti dell’emigrazione italiana, quella “delle nude braccia” e quella, meno cospicua ma importantissima, del ceto intellettuale e politicamente impegnato (esuli dall’epoca del Risorgimento fino all’epoca fascista). All’interno di questa storia si inserisce la storia dei migranti provenienti dalla Sardegna, una migrazione sostanzialmente costituita da poveri operai e minatori in cerca di condizioni di vita migliori.

Keyword


Tunisia; comunità italiana; emigrazione sarda in Tunisia

Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.19248/ammentu.215




ItalianoEnglishFrançaisEspañolPortuguêsCatalàSardu
AMMENTU - Bollettino Storico e Archivistico del Mediterraneo e delle Americhe. Periodico semestrale pubblicato dal Centro Studi SEA di Villacidro e dalla Casa Editrice Aipsa di Cagliari. Registrazione presso il Tribunale di Cagliari n° 16 del 14 settembre 2011. ISSN 2240-7596 [online].

CURRENT ISSUE
Lodo Atom
Logo RSS2
Logo RSS1
ANNOUNCEMENTS
Logo Atom
Logo RSS2
Logo RSS1